fbpx

Windor Infissi Taranto | Porte | Finestre

  • Chiamaci: 099 811 0951

Dopo 50 anni tornano in Puglia le zanzare della malaria

La scoperta delle zanzare Anopheles sacharovi, vettori della malaria scomparso da circa cinquant'anni, ha subito fatto scattare i primi allarmi, tanto che se ne è parlato anche sul sito dell'Istituto Superiore di Sanità. Fortunatamente, il Governo ha introdotto il Bonus Zanzariere 2024, un incentivo fiscale che offre ai cittadini la possibilità di proteggere le proprie case con una detrazione del 50% sulle spese per l'acquisto e l'installazione di zanzariere.  

La scoperta delle zanzare Anopheles sacharovi, vettori della malaria scomparso da circa cinquant’anni, ha subito fatto scattare i primi allarmi, tanto che se ne è parlato anche sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità. Fortunatamente, il Governo ha introdotto il Bonus Zanzariere 2024, un incentivo fiscale che offre ai cittadini la possibilità di proteggere le proprie case con una detrazione del 50% sulle spese per l’acquisto e l’installazione di zanzariere.

La recente scoperta di Anopheles sacharovi, una zanzara associata alla trasmissione della malaria e scomparsa da circa 50 anni, ha riacceso l’allarme per possibili focolai di malattie. La presenza di questo vettore, insieme ad altri fattori climatici e ambientali che favoriscono la proliferazione delle zanzare, sottolinea l’importanza crescente di adottare misure preventive efficaci. In questo contesto, il Bonus Zanzariere 2024 emerge come uno strumento fondamentale per rafforzare la protezione delle abitazioni.

La notizia è stata riportata anche dal sito dell’Istituto Superiore della Sanità. La recente scoperta ha suscitato un rinnovato interesse scientifico e una certa preoccupazione pubblica. Questo insetto, insieme all’Anopheles labranchiae, era noto per la sua capacità di trasmettere la malaria prima che la malattia fosse eradicata dal nostro paese nel 1970. Arnaldo Caruso, presidente della Società Italiana di Virologia, pur non allarmando eccessivamente, non esclude la possibilità che il malaria possa rifarsi vedere in Italia, come è successo per altri virus trasmessi da zanzare come la Dengue.

Caruso ricorda che nel 2023, l’Italia ha registrato 362 casi di infezioni trasmesse da zanzare, di cui 82 autoctoni, cioè non importati. Nel 2024, secondo le previsioni, si prevede un aumento di casi autoctoni a causa di vari fattori, tra cui il cambiamento climatico, che favorisce la sopravvivenza e la proliferazione delle zanzare.

Aumento delle Minacce da Zanzare

Il clima che si fa sempre più caldo e le alterazioni ambientali stanno modificando l’ecosistema delle zanzare in Italia, aumentando il rischio di malattie come la malaria, la Dengue e la West Nile. Gli esperti avvertono che il numero di casi autoctoni di malattie trasmesse da zanzare è destinato ad aumentare nei prossimi anni, complici le condizioni climatiche favorevoli che permettono a questi insetti di proliferare e sopravvivere più a lungo durante l’anno.

L’importanza di mantenere alta la sorveglianza è sottolineata anche da Paolo Gabrieli, professore di Zoologia presso l’Università Statale di Milano, che rassicura sul fatto che attualmente le zanzare anofele in Italia non sono ancora abbastanza numerose per sostenere un’epidemia di malaria. Tuttavia, Gabrieli avverte che non dobbiamo abbassare la guardia e dobbiamo monitorare da vicino l’ambiente e le condizioni che potrebbero favorire una ripresa della malaria in Italia.

Queste opinioni sono condivise anche al Congresso della Società Europea di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive, dove gli esperti hanno sottolineato l’importanza di prepararsi per affrontare le sfide poste dalle malattie trasmesse da zanzare nel contesto dei cambiamenti climatici.

Il Bonus Zanzariere Come Strumento di Prevenzione

Per contrastare questa minaccia, il Governo italiano ha introdotto il Bonus Zanzariere, un incentivo fiscale che permette ai cittadini di ottenere una detrazione del 50% sulle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di zanzariere. Questo bonus è destinato a supportare le famiglie nell’implementare misure preventive contro l’ingresso di zanzare nelle abitazioni, proteggendo così la salute pubblica.

Parallelamente all’utilizzo del bonus zanzariere, è cruciale mantenere un sistema di sorveglianza attivo per monitorare la presenza e la diffusione di zanzare potenzialmente pericolose. Gli esperti suggeriscono di adottare comportamenti quotidiani che riducano le possibilità di proliferazione delle zanzare, come eliminare l’acqua stagnante e utilizzare repellenti ambientali.

Chi può accedere al Bonus?

Possono accedere al bonus zanzariere i proprietari o i detentori di un diritto reale sull’immobile dove intendi installare le zanzariere.

Le zanzariere devono essere installate in un immobile destinato a residenza. Non è possibile richiedere il bonus per immobili a uso commerciale o industriale.

E’ però necessario che l’immobile sia accatastato o in fase di accatastamento. Inoltre deve essere in regola con il pagamento delle tasse.

Quali sono i requisiti per accedere al Bonus?

Te li elenco qui di seguito:

  1. è cruciale che i pagamenti per l’acquisto e l’installazione delle zanzariere siano effettuati attraverso metodi tracciabili, come bonifico bancario o carta di credito, per documentare le spese.
  2. le zanzariere installate devono essere conformi alle normative attuali in termini di sicurezza e qualità; devono avere il marchio CE, devono essere fissate (quindi non smontabili) e regolabili e proteggere una superficie vetrata come una finestra o una portafinestra.
  3. l’agevolazione è finalizzata all’efficientamento energetico dell’immobile e non è un incentivo a sé, quindi può rientrare negli interventi agevolabili con l’Ecobonus.
  4. sono ammesse solo zanzariere con schermatura solare e con un indice GTOT (il parametro con cui si determinata la capacità di schermare la luce del sole in combinazione con il vetro) inferiore a 0,35%.

Se soddisfi i criteri, puoi procedere con la richiesta del bonus.  

Vuoi saperne di più?

 Compila il modulo contatti  che trovi qui di seguito e riceverai senza impegno tutte le informazioni utili a riguardo.

    Condividi:

    Facebook
    Twitter
    Pinterest
    LinkedIn